I 5 Vantaggi dell’Olio Sintetico Per il Tuo Motore

riparazione-auto
Vantaggi-Dell’Olio-Sintetico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

L’olio è la linfa del motore. È la cosa più importante che puoi fare per prenderti cura della tua auto.

Non dimentichiamo, del resto, che sono molteplici le funzioni dell’olio motore: aiuta a ridurre l’attrito e l’usura tra le parti del motore, protegge i componenti vitali della tua auto, controlla la variazione della temperatura calda e fredda, migliora l’affidabilità, l’efficienza e la durata del tuo veicolo.

Gli obiettivi primari degli oli sintetici sono la riduzione dell’usura del motore durante l’avviamento a freddo e la guida a distanza, e per evitare o ridurre il degrado dell’olio.

Che cos’è l’olio sintetico?

lolio-sintetico

Nel mondo dei motori si sente spesso parlare di olio sintetico. Ma che cosa significa esattamente “sintetico”? Non tutti danno un esatta definizione di questa parola e puoi trovare molte opinioni diverse a questo proposito. In realtà, tutto si riduce a due componenti: la base e gli additivi. Ecco in sintesi di che cosa si tratta.

La base

L’ olio sintetico è più chimicamente ingegnerizzato rispetto all’olio convenzionale, quindi le sue molecole sono più omogenee per quanto riguarda la forma e le dimensioni, con un minor numero di impurità. Alcuni oli sintetici di alta qualità utilizzano una base di gas naturale. L’olio convenzionale e sintetico di fascia più bassa impiega come base il petrolio grezzo, che tende ad avere maggiori impurità.

Gli additivi

Sia gli oli convenzionali che quelli sintetici utilizzano degli additivi, che costituiscono il 20% della formulazione complessiva del prodotto.  La differenza è solitamente una questione di qualità. Gli oli sintetici vengono spesso realizzati con additivi di qualità superiore che proteggono e puliscono il motore e che tendono a mantenere costanti le loro prestazioni nel corso del tempo.

L’olio sintetico è veramente migliore?

L’olio sintetico ha meno impurità e additivi migliori, ma cosa significa in realtà per te e per il tuo veicolo? I meccanici sono concordi nell’affermare che l’olio sintetico offra vantaggi specifici rispetto all’olio motore convenzionale, oltre a garantirti un maggior risparmio di carburante.

I vari risultati non sono solo frutto di analisi di laboratorio, ma sono stati provati attraverso test effettuati su motori reali. Tuttavia, come sai, ogni veicolo è diverso, quindi è importante che tu segua il programma di manutenzione previsto dalla casa costruttrice della tua auto, per ottenere sempre il meglio.

Vediamo insieme di che cosa si tratta.

1. Intervallo di temperatura più ampio

Gli obiettivi primari degli oli sintetici sono la riduzione dell’usura del motore durante l’avviamento a freddo e un miglior rendimento, per evitare o ridurre il degrado del prodotto. Un olio sintetico è in grado di garantirti migliori prestazioni a temperature calde e fredde. In questo modo, puoi avviare il motore senza preoccupazioni in condizioni di tempo gelido e lo surriscaldi meno nelle giornate torride.

Inoltre, protegge il motore  dall’ossidazione e dal calore estremo.

2. Ti fa risparmiare

Grazie alle sue prestazioni, l’olio sintetico riduce i consumi di carburante, consentendoti di risparmiare ogni volta che devi fare rifornimento.

3. Si prende cura del motore

In linea generale, l’olio sintetico fornisce una maggiore protezione dall’usura del motore. Inoltre, non lascia molto fango sul motore, facendolo durare più a lungo e   facendoli sviluppare una maggiore potenza.  Questo apporta notevoli vantaggi anche all’ambiente.

4. Lo cambi meno frequentemente

Una delle differenze più evidente, rispetto al tipo convenzionale, è che l’olio sintetico può durare più a lungo prima che inizi a rompersi. In questo modo, richiede dei cambi meno frequenti se paragonato a un prodotto standard.  Quindi, anche se è un po’ più costoso, con l’andare del tempo questo si traduce in un risparmio economico e in meno visite dal meccanico.

Cosa significa, in pratica, questo vantaggio? Anche se gli intervalli di cambio dell’olio raccomandati variano a seconda del produttore del veicolo, in generale, una buona regola da seguire è quella di fare un controllo dell’olio motore convenzionale ogni 10.000 chilometri, con relativo cambio. Se si utilizza olio sintetico completo, gli intervalli tra i cambi possono essere più lunghi, in alcuni casi fino a 20.000 chilometri.

5. Il passaggio è semplice

Una volta che hai preso la decisione di cambiare base dell’olio, non è necessario svuotare il motore. L’olio sintetico si miscela perfettamente con l’olio convenzionale. 

Olio sintetico o convenzionale?

Olio-sintetico

La miscela sintetica è esattamente quello che dice il suo nome: un lubrificante per motori creato artificialmente da composti chimici. Alcune formulazioni hanno come base l’olio convenzionale, che viene poi modificato chimicamente per produrre il tipo sintetico, mentre altre formulazioni vengono create artificialmente da altre materie prime. 

L’olio motore convenzionale (indicato anche come olio standard o olio a base minerale) viene invece raffinato dal petrolio greggio presente in natura.

Dal punto di vista della consistenza, l’olio sintetico è più sottile e resiste meglio alle temperature estreme e generalmente dura più a lungo. Probabilmente non noterai alcuna differenza nel rendimento della tua auto, ma la caratteristica di durabilità è la più importante dal punto di vista del proprietario del veicolo, poiché si traduce in variazioni dell’olio meno frequenti rispetto all’olio motore convenzionale.

Perché i cambi di olio sono importanti

Considerando che per molti conducenti un cambio di olio può costare più o meno come un pieno di benzina (a meno che tu non sia pratico di manutenzione dell’auto fai da te), è importante tenere presente che si tratta di un investimento relativamente economico che ti consente di prolungare la vita del tuo veicolo.

Secondo gli esperti, il servizio di lubrificazione è la cosa più importante che si può fare per la propria auto. La manutenzione preventiva non costa denaro, ti fa risparmiare denaro.”

E se si utilizza olio motore convenzionale o sintetico, i cambi regolari dell’olio da parte di un meccanico qualificato possono contribuire a garantire una vita più lunga a tutti i componenti meccanici dell’auto.

L’olio sintetico può essere utilizzato solo nelle auto più recenti?

No, anche se si tratta di una convinzione abbastanza comune. Per via della formula avanzata dell’olio sintetico, questo prodotto viene spesso considerato compatibile solo con le auto più recenti, ma non è così.

Sia che la tua auto sia vecchia o nuova, l’olio sintetico offre vantaggi a qualsiasi motore per garantirne una durata più lunga e più sana: può persino gestire i motori turbocompressi! 

L’olio sintetico ha bisogno di un filtro speciale?

No, dipende da te! Il filtro per il tuo veicolo è come un rene: riesce a eliminare eventuali impurità indipendentemente dal tipo di olio. Sappiamo che può essere fonte di confusione perché hai la possibilità di acquistare un “filtro sintetico” o un filtro normale, ma tutto ciò significa che il contenuto di fibre ha materiale sintetico incorporato rispetto ai normali filtri di carta. 

Poiché l’efficienza del filtro si misura nella quantità di impurità che può trattenere dall’olio, che hanno dimensioni infinitesimali (più piccole dei capelli umani), un filtro sintetico e un olio sintetico possono essere una soluzione intelligente per mantenere il tuo motore pulito e garantire le migliori prestazioni del motore.

Conclusioni

In questi ultimi anni si parla molto del fatto che l’olio sintetico sia la soluzione migliore per il tuo motore. La scelta del tipo è strettamente legata alle preferenze personali e al tipo di veicolo. È importante seguire sempre le raccomandazioni della casa automobilistica. Se ancora non sei sicuro, prova a parlare con il tuo meccanico di fiducia. 

E non dimentica, in ogni caso, i cambiare sempre l’olio motore quando è necessario. Un motore senza olio non è un motore funzionante.