I 7 Migliori Pulitori per Carburatore: e Riparti alla Grande!

Guida All'acquisto & Classifica
miglior-pulitore-per-carburatore

Se il tuo motore dà segni di scompenso, ha vuoti o cali improvvisi di potenza, potrebbe essere necessario pulire il carburatore. L’operazione di pulizia non è complessa, ti basta un po’ di pazienza e il miglior pulitore per carburatore.

Devi pianificare per bene il lavoro perché il carburatore  va prima smontato e scollegato dall’alimentazione della benzina. Queste sono forse le uniche fasi un po’ delicate perché ti devi ricordare la successione degli smontaggi per rimontare tutto nel modo corretto.

Qual è il miglior pulitore per carburatore?

La pulizia del carburatore serve per evitare che i getti si otturino o riducano il loro diametro interno, così come i condotti, perché tutto ciò non porta altro che a degli scompensi del motore.

La pulizia del corpo farfallato può essere necessaria dopo lunghi periodi di inutilizzo dell’auto: in questi casi, la benzina o la miscela (nel caso di un motore due tempi) rimanendo ferme nel carburatore possono ingolfare il motore creando delle incrostazioni che lo rendono meno efficace.

Piuttosto che usare del diluente nitro con il rischio di danneggiare le guarnizioni, meglio usare degli appositi prodotti: si tratta di detergenti per pulire carburatori particolarmente attivi per motori a 2 e a 4 tempi.

Se il componente non è particolarmente sporco è talvolta sufficiente usare un pulitore spray per carburatore.

Nel caso di un carburatore della moto, specie se a due tempi e con miscela, se vuoi tenerlo efficiente e pulito, puoi utilizzare un additivo benzina moto.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori pulitori per carburatore:

1. Ricambi Auto Europa Carb & EGR Cleaner pulitore spray per carburatore – Rimozione efficace del grasso

  • Questo prodotto spay è formulato per la pulizia interna ed esterna del carburatore e del sistema di aspirazione dei motori a carburatori e a iniezione. Libera dallo sporco i condotti di aspirazione e i corpi farfallati ristabilendo il corretto funzionamento del sistema di alimentazione.
  • Rimuove rapidamente ed efficacemente grasso, olio, morchie e depositi carboniosi. Risolve il problema del minimo irregolare e dei vuoti di accelerazione. Contribuisce a ridurre il consumo di carburante e le emissioni inquinanti. Non danneggia i componenti in plastica e in gomma.
  • Per motore a 2 e 4 tempi
  • Pratico
  • Riduce i consumi

2. Pulitore Sistema di Aspirazione e Carburatore Arexons – Non richiede lo smontaggio

  • Adatto per motori alimentati a benzina, gpl, metano, pulisce ed elimina i depositi nei condotti di aspirazione dell'aria senza la necessità di smontaggio. Scioglie gomme, lacche ed ogni genere di sporco e depositi nei corpi farfallati.
  • È indicato per la pulizia dei carburatori. Ripristina i valori di CO e HC. Idoneo per tutti i motori mono iniezione, multi point, corpi farfallati e carburatori. È confezionato in una bombola da 500 ml.
  • Per esterno e interno
  • Versatile
  • Efficace

3. Detergente per pulire carburatori Kimicar Marine – Azione rapida

  • Scioglie depositi ed incrostazioni su corpi farfallati, carburatori e collettori d’aspirazione, senza smontare le parti.
  • Ripristina i normali valori del costruttore migliorando la carburazione, senza danneggiare la marmitta catalitica né la sonda lambda. Evapora senza lasciare tracce.
  • Migliora la carburazione
  • Non lascia tracce
  • Efficace

4. Pulitore Carburatore pulizia corpo farfallato Sonax – Motori che lavorano a corto raggio

  • Solvente ad alte prestazioni per motori molto incrostati e parti come corpo del carburatore, valvole, iniettori, e così via. Garantisce la funzione di tutte le parti mobili e il corretto funzionamento dei carburatori.
  • Si rivela particolarmente adatto per i motori che lavorano a corto raggio e che raramente arrivano a temperatura di funzionamento. Non richiede lo smontaggio del carburatore.
  • Potente disincrostante
  • Senza smontaggio
  • Alte prestazioni

5. Detergente per Valvole a Farfalla Liqui Moly 5111 – Applicazione localizzata

  • È uno speciale solvente attivo per la pulizia di residui e depositi che si accumulano nelle zone adiacenti alla valvola a farfalla e alle valvole di ammissione.
  • Scioglie e rimuove tutti i depositi e gli agenti contaminanti sparsi quali olio, resine, residui adesivi e così via. Ha un pratico erogatore di lunghezza adatta per scatole filtro difficili
  • Praticità d’uso
  • Versatile
  • Efficace

6. Booster additivo benzina moto e auto Rymax Oktan – Migliorare il rendimento del motore

  • Aggiunto alla benzina, questo additivo ne aumenta il numero di ottani tra 2 e 4 punti. Ripristina la potenza del motore originale e la sua efficienza. Pulisce l'intero sistema di carburante eliminando depositi e impurità.
  • Consente un notevole risparmio di costi: l'additivo ottano aumenta l'efficacia del carburante fino all'11%. Si può utilizzare per tutti i motori a benzina con o senza iniettori o carburatori ed è adatto per benzine e miscele di etanolo benzina.
  • Incrementa la potenza
  • Risparmio economico
  • Efficiente

7. Pulitore per Corpi Farfallati Liqui Moly 2406 – Economicità

  • Il prodotto è studiato per consentire un efficace sgrassaggio e la pulizia di carburatori e impianti di iniezione. Rimuove le incrostazioni contaminanti da farfalle, mono iniettori, valvole E.G.R., carburatori.
  • Rappresenta una soluzione ideale per pulire le parti esterne ed interne. Evapora in circa 2- 3 minuti. Facile da usare, pulisce senza necessità di disassemblare.
  • Pulizia rapida
  • Senza necessità di smontare
  • Facile impiego

Pulitore per carburatore - Guida All'acquisto & Classifica

Cos’è un pulitore per carburatore?

carburatore

Un detergente carburatore è essenzialmente una soluzione che rimuove i residui di carbonio accumulati nel carburatore. Il carburatore fa il lavoro di miscelare aria e carburante necessario per ottimizzare la combustione del motore.

Un processo come questo comporta sempre un accumulo di residui sulle pareti del carburatore, sugli ugelli ad ago e sui loro condotti. Questi accumuli, spesso sotto forma di residui melmosi, possono essenzialmente ridurre l’efficienza del carburatore impedendo all’aria di miscelarsi in rapporto corretto con la benzina. Di conseguenza si riduce anche l’efficienza del motore creando cali di potenza e altri problemi. Per rimediare a questa situazione, usare un detergente per pulizia carburatore è essenziale.

Di cosa è fatto un detergente per carburatore?

Come accennato in precedenza, un detergente per carburatore è essenzialmente un prodotto che si occupa di sciogliere e pulire qualsiasi formazione di incrostazione o residuo melmoso appiccicoso che si possono formare nel carburatore.

Nel caso in cui si desideri conoscere gli ingredienti generali, un detergente per carburatore è composto da acetone, xilene, MEK (metiletilchetone o butanone), etilbenzene, propano e altri idrocarburi.

Cos’è il detergente per carburatore clorurato?

Il detergente per carburanti clorurati proposto sul mercato è la versione più popolare,  che è in uso da molto tempo. Questo è indipendentemente dal fatto che la maggior parte degli ingredienti utilizzati nei detergenti clorurati siano vietati.

Un detergente clorurato è costituito da solventi clorurati o atomi all’interno della sua struttura molecolare. Le sostanze chimiche composte in questo tipo di detergente migliorano le qualità del solvente del prodotto. A causa della sicurezza e delle considerazioni ambientali, in alcuni stati i detergenti a carburatore clorurati non sono popolari.

Che cosa è il detergente per carburanti non clorurati?

Con detergente non clorurato, si intende che la struttura molecolare del detergente non contiene solventi clorurati. Ciò non significa però che questi prodotti siano ecologici o sicuri.

In alcuni casi, i composti alternativi utilizzati nei detergenti non clorurati sono altrettanto tossici. A differenza dei solventi clorurati, quelli non clorurati sono infiammabili e asciugano rapidamente.

Quali sono le differenze tra questi due detergenti per carburanti?

Quando è il momento di pulire i depositi dal carburatore, dal corpo farfallato e dalle valvole che regolano il flusso d’aria, le due scelte più popolari sono i detergenti non clorurati e clorurati. Entrambe le scelte porteranno a termine il lavoro. Tuttavia, la comprensione delle principali differenze può evitare problemi di sicurezza e di manutenzione.

I detergenti non clorurati e clorurati sono entrambi composti da sostanze chimiche tossiche. Tuttavia, tra le due opzioni, i detergenti clorurati hanno gli elementi più attivi.

I solventi clorurati sono costituiti da tricloroetilene, cloruro di metilene e percloroetilene. Questi elementi sono considerati composti organici volatili o VOC e per questo dannosi per inalazione.

I solventi non clorurati sono composti da elementi un po’ più rispettosi dell’ambiente, tra cui: idrocarburi di petrolio a bassa tossicità, alcol isopropilico, eptano e acetone.

Come scegliere un pulitore per carburatore?

Come-scegliere-un-pulitore-per-carburatore

Le risposte sono in qualche modo ovvie anche se spesso facilmente dimenticate. Riportiamo qui di seguito i principali argomenti a cui dovresti prestare attenzione quando acquisti un detergente di questo tipo.

Facilità d’uso

Prima di tutto, un pulitore di carburatore dovrebbe essere facile da utilizzare. Non ha senso avere un detergente straordinario che non sei nemmeno in grado di preparare e utilizzare. È un bene avere il prodotto migliore ma se non sarà in grado di svolgere il suo lavoro non ti servirà a nulla. Il detergente più efficace in ogni caso sarà quello che puoi utilizzare o acquistare ogni volta che ne hai bisogno, usarlo in modo rapido e sicuro, quindi sfruttare la tua giornata senza perdere tempo.

Efficacia

Un altro aspetto importante è l’efficacia del tuo pulitore. Come con tutte le cose, un prodotto più economico può far risparmiare denaro a breve termine, ma i costi possono aumentare facilmente nel tempo se devi continuare a comprarlo. Un marchio più costoso può essere efficace sin dal primo trattamento. Se vuoi risparmiare, anche sui prodotti di marca, la strada giusta è affidarti alla vendita online, dove tra l’altro trovi le opinioni di colori che hanno già utilizzato i vari pulitori.

Formulazione

Se il carburatore o le parti di raccordo vicine hanno aree in gomma o plastica, alcuni detergenti per carburanti altamente concentrati potrebbero essere troppo forti e, in definitiva, causare più danni alla tua auto. Se non sei sicuro delle componenti montate sul tuo veicolo, è meglio giocare sul sicuro e procurarti un pulitore multi-componente.

Tempo di azione

Alcuni prodotti in commercio possono impiegare solo alcuni minuti per pulire il carburatore, a seconda di quanto è necessario rimuovere, mentre altri richiedono di lasciare fermo il veicolo durante la notte mentre il liquido lavora per rimuovere lo sporco. Leggi le istruzioni prima di acquistare il prodotto, per scegliere quello con una tempistica adatta alle tue esigenze di utilizzo.

Sicurezza

Questo aspetto comprende più aspetti: dovrai controllare gli ingredienti utilizzati, se sei allergico a qualcosa. Un’auto standard con un carburatore sporco non dovrebbe aver bisogno di nulla di troppo pericoloso, ma alcuni prodotti potrebbero essere più aggressivi.

È proprio necessario smontare il motore?

Non sempre è necessario smontare completamente il carburatore per pulire questo pezzo di ingegneria. Se hai una macchina più nuova, può valere la pena usare uno spray pulizia carburatore, sufficiente per rimuovere i residui che si depositano ma non incrostano.

Naturalmente, un’auto più vecchia con tutta probabilità avrà bisogno che il carburatore sia trattato con una soluzione detergente liquida, il che implica la rimozione dalla propria sede e lo smontaggio di tutti i pezzi per lasciarli a bagno durante la notte.

Tutto dipende dalla quantità di impurità che sono presenti e da dove sono localizzate, oltre che dall’età della macchina.

Quali benefici si hanno pulendo il carburatore?

Un carburatore pulito non avrà un accumulo di residui nelle valvole e meccanismi in generale, il che apporta diversi benefici. Ad esempio, il carburante si accenderà perfettamente, poiché l’auto sarà in grado di mantenere il corretto rapporto tra aria e carburante. Ciò ha come conseguenza un risparmio di carburante e quindi una maggiore percorrenza nel chilometraggio.

Oltre a questo, è molto meno probabile che la tua auto si guasti se continui ad eseguire una manutenzione regolare. Se non riesci a pulire regolarmente il carburatore, da solo o da un meccanico, è molto probabile che l’accumulo alla fine blocchi le valvole e gli iniettori di carburante, il che significa che la tua auto perderà colpi, singhiozza e, alla fine, rifiuterà di muoversi. E il prezzo da pagare per ripristinarla non sarà cosa da poco.

Come si pulisce il carburatore?

Ecco le operazioni da effettuare per pulire correttamente il carburatore, indipendentemente dalla marca o modello della tua auto.

Indossa occhiali e guanti – Tieni presente che la maggior parte dei detergenti per carburatori è dannosa sia per la pelle che per gli occhi, quindi si consiglia di indossare occhiali e guanti prima di iniziare. In caso di contatto accidentale con la soluzione, lavati il più rapidamente possibile con abbondante acqua (e se ti devi rivolgere a un pronto soccorso porta con te l’etichetta)

Rimuovi il carburatore – Per la maggior parte delle auto, non è necessario separare il carburatore dal motore, poiché è possibile aprirlo in posizione, mentre è ancora collegato al motore.

Se non è così, rimuovi tutti i tubi, i collegamenti, le molle e separa il carburatore dal motore. È una buona idea scattare delle foto dei vari passaggi mentre smonti i diversi collegamenti, così ricorderai i tuoi passi quando dovrai rimettere insieme tutte le parti.

Smonta il carburatore – Una volta che il carburatore è libero, è necessario smontarlo. Apri la camera del galleggiante. Quindi rimuovi il galleggiante, compresi eventuali perni, guarnizioni, o-ring o altre parte presenti, a seconda del tipo di motore.

Dovrai anche rimuovere qualsiasi parte in gomma o plastica perché alcuni detergenti per carburanti contengono sostanze chimiche che li attaccheranno e li danneggeranno nel tempo.

Procedi con la pulizia – Ora è il momento di pulire il carburatore dentro e fuori. Puoi spazzolare l’esterno con un pennello, ma dovrai pulire l’interno con un detergente per carburatore.

È possibile utilizzare lo spray se pulisci il carburatore in posizione o usare un liquido per pulizia carburatori per immersione nei casi più incrostati. Se usi uno spray puoi pulire alcuni percorsi con un panno o una spazzola morbida.

Se hai rimosso il carburatore dal motore, puoi utilizzare una soluzione ad immersione. Lascia l’intero carburatore nella soluzione per alcuni minuti o per diverse ore a seconda dei casi, per ottenere una pulizia chimica completa.
Se utilizzi un sistema di alimentazione ibrido benzina/GPL o benzina/metano dovresti assicurarti di pulire bene anche gli iniettori metano.

Re-installazione – Una volta che il carburatore è pulito e correttamente asciugato, è ora di riassemblarlo o reinstallarlo. Questo è il momento in cui le immagini che hai scattato ti torneranno utili, specialmente se non si ha familiarità con il gruppo carburatore.

Dopo aver ricollegato tutto, inclusi tutti i cavi e i tubi, occorre avviare il motore per assicurarsi che funzioni.

Ricordati però che oltre al carburatore dovrai pulire anche il filtro aria: anche un filtro aria molto sporco contribuisce a rendere inefficiente il carburatore. Perciò se pulisci il carburatore ma rimonti il filtro aria sporco avrai maggiori probabilità che i sintomi di inefficienza si ripresentino  ancora e tu debba intervenire prima del previsto a ripulire il carburatore.

Con quale frequenza devo pulire il carburatore?

La risposta a questa domanda può essere complessa come il tuo stile di guida.

Per decidere i migliori tempi per intervento, dovrai valutare le condizioni di guida, quanto guidi e quale combustibile usi. Sappi che le auto più vecchie avranno probabilmente bisogno di una pulizia più frequente, dal momento che l’erosione causata nel tempo può produrre più aree per  l’accumulo di detriti da catturare e bloccarsi. In questo caso, probabilmente avrai bisogno di fare tutto il lavoro di pulizia dall’inizio e dare al carburatore una pulizia completa e profonda prima di far ripartire il motore.

Anche quanta strada percorri è importante, perché più guidi, più il tuo carburatore dovrà mantenersi efficiente per portarti a destinazione. Oltre a questo, è più probabile che tu abbia fatto rifornimento con carburanti di marche diverse inserite nel tuo veicolo, ovvero (inconsapevolmente) una miscela di carburante di alta e bassa qualità.

Parlando di carburante, questo è uno dei maggiori fattori che contribuiscono al mantenimento di un carburatore sano. Il carburante di qualità inferiore potrebbe essere più “sporco” e lasciare residui in generale: è probabile che passi nel carburatore, perché ci arriva a pressione, ma può lasciare le particelle di sporco sulle pareti e l’accumulo di morchie così da farti avere minori performance. Un carburante di qualità superiore, che utilizza il  giusto numero di ottani per il veicolo stradale standard, è più pulito e si accende a diversi livelli di compressione che ti danno più chilometri per litro. In sostanza, prolungherete la vita del carburatore e risparmiate denaro nel rifornimento di carburante.

Per farla breve, il miglior tempo medio per pulire il carburatore è tra 20-30.000 km, rendendo la distanza leggermente più breve, se non sei il tipo da tenere in cura la pulizia del carburatore, o più lunga se usi regolarmente liquidi per per la pulizia degli iniettori di carburante e carburante di alta qualità.

Alberto
Alberto